HomeAmministratore di sostegno

Amministratore di sostegno

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

 

Diritto trasversale a più categorie di invalidi

Legge 6/2004

fonte www.camera.it/parlam/leggi/04006l.htm‎

L’Amministratore di Sostegno viene nominato per accompagnare, assistere, rappresentare e proteggere una persona (chiamata beneficiaria) che manca in tutto o in parte in autonomia nel compimento di determinati atti.

È legato al beneficiario da vincoli di solidarietà e fiducia.

 

Chi ne ha diritto: Ne hanno diritto coloro che sono affetti da infermità o menomazioni fisiche o psichiche, tali da determinare una impossibilità parziale/totale, temporanea o permanente di provvedere a se stessi e ai propri interessi.

Ente competente: Giudice Tutelare

Il Giudice Tutelare deve interpellare l’interessato e deve sempre tenere conto della “cura” e degli “interessi” del beneficiario.

 

L’Amministratore di Sostegno si occupa:

- della gestione di attività ordinarie; scelta e gestione di collaboratori familiari; inserimento in RSA; consenso informato.

- della gestione del suo patrimonio (es. riscossione della pensione, pagamento affitto, tasse, bollette, gestione dei risparmi.

- del rendiconto annuale al Giudice.

 

Chi può farlo:

- la persona individuata dal beneficiario o dai familiari;

- un volontario o un professionista ritenuto idoneo del Giudice Tutelare; un legale rappresentante di un’associazione/fondazione;

- un amministratore dell’Ente Locale;

- un operatore socio-sanitario che non abbia in cura o in carico il beneficiario.

 

Per ulteriori informazioni:

Rivolgersi al Comune di residenza.

Go to top